venerdì 19 agosto 2011

Crostata alle pesche caramellate

Ciao a tutti da questa cuoca pasticciona e molto svogliata! Come sta procedendo la vostra estate? Spero benone! La mia è un po' altalenante, o meglio: il mio umore lo è! Oggi, ad esempio, era nero e, nonostante i 37° ed un'umidità atroce, io avevo un tale bisogno di impastare che ho acceso il forno dopo...mesi? Devo dire che lavorare la frolla ha su di me un effetto terapeutico, mi riconcilia -se non con il mondo- almeno con me stessa. E poi...sì, gustare il risultato finale ha dato il suo contributo ed il mio umore adesso è di un grigio perlato! Veniamo alla ricetta, trovata su un vecchio numero di 'donna moderna' e sperimentata -con successo!- oggi per la prima volta!
INGREDIENTI PER LA BASE:
250 g di farina
    1 uovo
80 g di burro
buccia di limone grattuggiata
sale
5 g di lievito (che la prossima volta non metterò)

INGREDIENTI PER LA FARCITURA:
3 pesche noci
40 g di amaretti
2 cucchiai di confettura chiara (pesche o albicocche)
 burro
zucchero di canna

Impastare la frolla come... vi pare :-) Io seguo il metodo di Montersino: farina&sale a fontana e nell'incavo all'interno sbatto lo zucchero (preferibilmente a velo) con l'uovo e poi aggiungo il burro ammorbidito e a  pezzetti. Quando il burro si è amalgamato, inizio a raccogliere la farina intorno fino a che..voilà, viene fuori una splendida palla! Da quando utilizzo la sua tecnica impasto la frolla bene e in fretta! (A dire il vero ora ho una piccola impastatrice che lo fa al posto mio, ma oggi avevo proprio bisogno di avere le mani in pasta!)




Ma torniamo a noi: far raffreddare la frolla in frigo per un'oretta circa e intanto lavare, asciugare e tagliare a fettine le pesche noci.

 Trascorsa l'ora, riprendere la frolla, stenderla e foderare la tortiera; ricoprire di amaretti sbriciolati e versare sopra la confettura. Sistemare le fettine di pesca e spolverizzare con poco zucchero di canna. Infornare a 180° per 30 minuti, dopo i quali togliere dal forno la crostata e distribuire sulla superficie dei fiocchetti di burro e altro zucchero di canna. Infornare di nuovo per 2 minuti, preferibilmente con funzione grill.
 Io l'ho trovata buonissima, anche da calda! Ora sto aspettando un'amica per la degustazione: vedremo come andrà! Lo stampo rettangolare da crostata è meraviglioso: fa apparire più invitanti persino le creazioni di una pasticciona sgraziata come me! Ma soprattutto questo stampo è un regalo di un'Amica conosciuta su un forum di cucina e che ha trascorso qualche giorno a casa mia, insieme a suo marito, per la seconda estate consecutiva: grazie Ale, dello stampo, della compagnia, dell'affetto... di tutto insomma!
Buona serata,
                            Valentina*

8 commenti:

  1. che delisssia questa crostata! sarà che adoro le pesche alla follia ma sto per mordere il monitor!! bravissssima!
    bellissimo lo stampo! invidia ;)

    RispondiElimina
  2. grazie Sara, effettivamente questa crostata è squisita :-D eml stampo... introvabile! Il che ha reso il regalo ancora più speciale!

    RispondiElimina
  3. Adoro le crostate!!! Anche con 40 °C :P

    RispondiElimina
  4. E sì Taty, a chi lo dici! :-)

    RispondiElimina
  5. dunque diciamo che ...... se ti riconcilia fare la frolla..fammi subito una di queste crostate goduriose!!..grazieeeeeeeeeeee, ciao Flavia

    RispondiElimina
  6. Ahahaha, volentieri Flavia! Dammi l'indirizzo che arriva subito! :-D

    RispondiElimina
  7. che delizia questa crostata!!
    vado matta per le crostate...calde mmmmm;)
    bellissimo lo stampo, che regalo splendido ti ha fatto la tua amica...lo stò cercando da tantissimo tempo e ancora niente :( devo iniziare a cercare on line chissà..

    RispondiElimina
  8. @ Chiara: mi fa davvero piacere che stai spulciando nel blog! Sì, questo stampo è meraviglioso: tutto diventa più elegante! Un regalo splendido da un'amica eccezionale! Io nei negozi non l'ho mai visto, mi sa che la rete è l'unica soluzione!

    RispondiElimina